• Home
  • News
  • Il cavolo riccio....kale...supercibo!

Il cavolo riccio....kale...supercibo!

25.02.22

Il kale, il cavolo riccio delle nostre nonne e cavolo nero sono ormai pronti nei campi dei soci della Cooperativa.

In Puglia e Campania si mangia da millenni, noi ce ne siamo infatuati da poco. È il kale, altrimenti noto come cavolo riccio. A portarlo alla nostra attenzione sono state come al solito le celebrity americane, assistite da personal trainer specializzati nella classica scoperta dell’acqua calda (almeno a tavola). Peccato che loro, rispetto alle nostre nonne che lo usano da sempre, abbiano saputo vendere il kale al pubblico molto meglio di noi.

Il kale è un ortaggio che cresce durante i mesi invernali e viene in soccorso del nostro corpo nel cambio di stagione. Le vitamine A, B6, C e K rafforzano il sistema immunitario e cardiocircolatorio. Insomma, il kale è un vero supercibo. Ma attenzione a non confonderlo con il cavolo nero, tipico delle zuppe toscane, la ormai famosa Ribollita. La foglia del kale è crespata, esiste sia rosso che verde. Il cavolo nero ha una foglia con le bolle.

Molti non sanno che bisogna attendere i primi freddi per avere il massimo del gusto e della qualità, per il semplice motivo che anche queste piante per prepararsi al freddo aumentano la densità dei loro liquidi fogliari. E lo fanno semplicemente spostando zuccheri dalle radici alle foglie, da qui il gusto più gradevole.

Usi in cucina del cavolo riccio

Al momento dell’acquisto, assicuratevi che le foglie siano intere e carnose, con una nervatura ben pronunciata, da eliminare prima di procedere alla cottura: basta inciderla ai lati. Potete usare il kale per moltissime ricette. Ad esempio, delle croccanti chips al forno, preparate spezzettando le foglie in piccole parti; conditele con un filo d’olio e cuocetele in forno a 190 °C. Potete utilizzare il kale per creare dei contorni salutari, ma anche per farcire torte rustiche e frittate. Potete mangiare le foglie crude, spezzettate anche in insalata, con l’aggiunta di noci e uva passa. Infine, si può usare per estratti e frullati: in questo modo assimilerai i principali nutrienti senza perderli in cottura. in ogni caso assicuratevi sempre che sia stato coltivato secondo i principi dell'agricoltura biologica!


ARTICOLO PRECEDENTE

25. 02. 22
25.02.22

L'esotico..nostrano! Zucca centenaria a Legnaro

L%26%23039%3Besotico..nostrano%21 Zucca centenaria a Legnaro
Il nostro socio Elia Bozzolan titolare dell'azienda agricola Podere Clara, si è cimentato nella coltivazione della zucca centenaria, una rampicante originaria del Centro America, coltivata n...
Leggi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Questo sito utilizza cookie tecnici e funzionali per migliorare la tua esperienza di navigazione. Con il tuo consenso vorremmo attivare cookie con finalità di analisi e di marketing, allo scopo di migliorare la tua esperienza di navigazione e di mostrarti prodotti e servizi di tuo interesse. Puoi modificare le tue impostazioni in qualsiasi momento nella pagina delle condizioni sui cookie. Nella stessa pagina troverai informazioni sul responsabile della gestione dei tuoi dati, il trattamento dei dati personali e le finalità di tale trattamento.
Seleziona le tue preferenze sui cookie.
Cookie tecnici
Cookie statistiche + marketing
Approva tutti