News

DICIAMO NO A NUOVO CEMENTO E ASFALTO A CAMIN!

Riceviamo, pubblichiamo e condividiamo (!) l’appello del Circolo Wigwam “Il Presidio….sotto il portico”

per aderire alla raccolta di firme clicca qui

La lottizzazione di via Germania: un altro schiaffo al paese di Camin.

Nella seduta  della Commissione Urbanistica Comunale  del Comune di Padova  del 18/4 è stato proposto dal Consorzio Zona Industriale di Padova la lottizzazione dell’area compresa  TRA VIA GERMANIA e VIA GRAMOGNE , VINCOLATA A VERDE ATTREZZATO  (l’attuale destinazione dell’area è stata confermata nel Piano di Assetto del Terriitorio approvato dal Consiglio comunale il 7 aprile 2009),  un’area di circa 6 ettari COMPLETAMENTE VERDE  che fa gola  agli “ INTERESSI DEL CEMENTO”  .  Secondo le notizie giornalistiche, si tratta di un uso industriale di aree vecchie della ZIP, ma non è così:

Quest’area  a nord di Padovaland, non è una area “vecchia” , ma una area “antica”, si tratta infatti di un bell’esempio di campagna veneta , ultimo sopravvissuto  all’avanzare dei capannoni in questa parte della città. Non è affatto un’area abbandonata, come si è accennato in commissione, ma è ben coltivato dai pochi residenti, con la presenza di alberi secolari, fossati, siepi,  orti curati,  che con il complesso di Padovaland costituisce un polmone  verde unico a due passi  dal centro. La proposta di “staccare” un’area di questo tipo, e con la perequazione depositarla vicino al casello di Padova- Bologna non ha alcun senso , in quanto l’area vicino al casello è (tra l’altro) sotto i tralicci dell’alta tensione, e quindi assolutamente  inutilizzabile come “verde attrezzato”. Non ha senso neanche secondo le ragioni portate dai proponenti, in quanto in cambio della perdita netta di circa 6 ettari di verde , inseguendo il miraggio di alcuni posti di lavoro, Camin si ritroverà con l’ennesima fila di capannoni vuoti, mentre a poca distanza vengono svenduti fior fiore di capannoni industriali (per trovarli, basta fare un giretto su internet) . Un altro schiaffo al nostro paese, che ha pagato un caro prezzo allo sviluppo della città, inseguendo un progresso  poco rispettoso delle sue origini, e delle persone. Se è vero come è stato detto durante la seduta della commissione che all’epoca la zona industriale è stata ideata da politici lungimiranti, (ma questa non è l’opinione comune nel paese di Camin, ve lo possiamo  assicurare) tocca alla classe politica di adesso  ripensare ed attuare nuovi modelli di sviluppo, che non comportino lo spreco e il consumo delle poche risorse che abbiamo, prima di tutto il suolo fertile, e trovare il modo di far coincidere le esigenze di chi la terra la vive e la lavora, dei cittadini che  grazie a questo instancabile lavoro possono  ancora godere  di un paesaggio raro e prezioso, e le istanze dello sviluppo industriale, che sicuramente non ha più bisogno dei grandi spazi urbanizzati richiesti negli anni 60. Peccato che mentre da una parte L’Amministrazione con una mano  si appresti a promuovere il “Parco Agricolo Sovracomunale”  con l’altra mano scarichi camion di cemento e asfalto in una delle poche aree verdi rimaste .

In Commissione si è fatto cenno ad un eventuale “risarcimento” a favore degli abitanti di Camin.

E’ vero,  Camin ha bisogno di un risarcimento, ma questo è “a priori”. Dopo  tanti anni di devastazioni ambientali e sociali, di trascuratezza e tristezze, Camin ha  bisogno solo di una cosa: di essere lasciata in pace.

 

C.I.P.

 

Circolo di campagna ® Wigwam®  “Il Presidio “…“sotto il portico”… A.P.S.

Via Gramogne 41 35127 Camin (Padova)
Tel. 3384238191
ilpresidio@wigwam.it www.wigwam.it

Il Wigwam® Circolo di Campagna® ”IL PRESIDIO”…sotto il portico… di Camin (PD)
Via Gramogne 41  cap  35127  è
iscritto nel Registro Comunale  delle Associazioni con il n. PD 1509

Iscritto nel Registro Provinciale delle Libere Forme Associative con il n. 45/d
iscritto nel Registro Regionale delle Associazioni di Promozione Sociale con il n. PS/PD262.
Codice Fiscale 92173790285

Invia