News

Frode bio: “Gatto con gli stivali” o “Qui gatta ci cova”?

Mentre qualcuno, noi compresi, “esultavamo” per la scoperta di questa truffa ai danni dei cittadini e dei produttori onesti, qualcuno già si stracciava le vesti in difesa di un “settore biologico gravemente colpito”.
Arrivano ora i segnali (non certo i primi ma forse i più evidenti) di questa parte di squilibrati che urlano un danno che loro stessi hanno provocato.
Sembra che aver scoperto una truffa e quindi aver rinforzato il sistema dei controlli (certo, forse in alcuni passaggi è più una perdita di tempo che un reale innalzamento del livello di controllo, ma almeno si apprezzi lo sforzo) abbia provocato a qualche “grosso” trasformatore di materia prima un rallentamento delle pratiche per l’importazione per maggiori controlli sulla veridicità dei certificati, un innalzamento dei prezzi alla produzione, un blocco dei prodotti che probabilmente sono “contaminati” dal falso biologico… Embhè?!?!?
Vuol dire che forse tornare a comprare bio gli costa caro?
Noi sappiamo che fare bio costa caro. No, non costa caro, ma costa giusto. Giusto perchè quel che non è giusto è quel “costar meno” oggi che pagherà qualcuno domani. Garantito. E non lo diciamo noi, ma la storia.

Invia