News

Alla ricerca del seme…”giusto”!

Interessante appuntamento formativo per i soci della nostra cooperativa che si sono dati appuntamento presso la nostra azienda associata “BioArmonia” della famiglia Patt. Oggetto dell’incontro il tema delle sementi, quantomai attuale, e la ricerca da parte della Cooperativa di interlocutori che mettano al centro del proprio interesse il recupero di varietà antiche, la produzioni di sementi Open Pollinated (ad impollinazione aperta) e quindi non ibride e certamente non OGM. La mattinata è stata validamente condotta dal nostro agronomo Davide Tromballi che ha presentato Federica Bigongiali  e Antonio Lo Fiego, delle ditte sementiere bio rispettivamente Sativa ed Arcoiris.

Il tema forte è la necessità di declinare un’agricoltura biologica che valorizzi, e ne venga a sua volta valorizzata, sementi non ibridate artificialmente a fini esclusivamente produttivi, recuperando varietà locali, che hanno invece naturalmente sviluppato resistenza fito-sanitaria, gusto e qualità in relazione col territorio dove sono originate.

Non è certo un dettaglio, considerando anche le nuove condizioni climatiche in cui ci si trova, e che obbligano anche le piante a sviluppare forme di adattamento e di auto-selezione.

In BioArmonia, già si stanno coltivando selezioni di entrambe le Ditte presenti, con risultati spesso buoni per alcune varietà (finocchio, erbette rave di vari tipi, bietolina da taglio), altre volte meno buoni (radicchio, cappucci), fatta salva una primavera 2021 veramente pessima sul piano climatico e meteo.

In altre aziende associate alla Cooperativa, in particolare piccole o molto piccole, si stanno conducendo esperienze simili, a cui dovremo dare ulteriore impulso e dedicarvi molto più tempo ed attenzione.

Si è ancora una volta concluso che occorre lavorare insieme sempre di più tra chi produce, chi seleziona, chi vende e chi compra, per affermare la necessità ed il valore di un’agricoltura biologica realmente sostenibile e che non si riduca a metodi “sostitutivi” del convenzionale.

Sarà ovviamente fondamentale trovare i modi  più adatti per comunicare al compratore finale i vantaggi nel consumare prodotti da piante originarie e locali.

Invia