← Torna indietro

Con.pro.bio. Lucano. Così lontani….così vicini!

Il Consorzio di Produttori Biologici e Biodinamici Con. Pro. Bio. Lucano stringe i rapporti con la nostra cooperativa.

Partner de El Tamiso nel nuovo progetto Rete Humus, nato per valorizzare i principi dell’agricoltura biologica in senso lato (responsabilità sociale, riforestazione aziendale, aumento della fertilità del suolo e della biodiversità…..) e pionieri del biologico, gli  amici lucani hanno percorso una strada molto simile a quella della nostra cooperativa. Circa una settantina di soci locali, piccole realtà che crescono nella condivisione di valori comuni in un contesto di estrema vitalità del movimento biologico, che insiste in un ambiente agricolo estremamente interessante per condizioni climatiche e paesaggistiche.

Il consorzio si occupa di promuovere e commercializzare il prodotto dei soci, ortofrutta, cereali, legumi, frutta secca e miele, trasformando artigianalmente alcuni prodotti come avviene per la decorticatura del farro per ottenere semola e quindi la pasta, interessanti per la storia ed il gusto.

Le varietà antiche di farro bio Lucanica e Forenza, recuperate dagli anziani del luogo che lo hanno conservato e tramandato sino ai giorni nostri, vengono valorizzate nelle piccole (non più di 8-10 ha) aziende associate al consorzio. I processi di molitura a pietra e pastificazione con trafilatura al bronzo a bassa pressione e lenta essiccazione ne esaltano ancor di più il profumo ed il gusto.

Per il miele il consorzio sta tentando, stagione dopo stagione, di recuperare una razza locale di api chiamata “ligustica” allevate in biologico. In tutte le fasi, ma soprattutto nel nomadismo, l’attenzione ai luoghi dove si pongono le arnie è molto elevata, infatti per la maggior parte dell’anno le api possono godere di luoghi incontaminati tra gli 800 ed i 1000 metri s.l.m. Solamente in occasione di pregiate fioriture come gli agrumi o prati di trifoglio, vengono spostate e poste al centro delle aziende biologiche interessate a sud della Basilicata. Per la smielatura si avvalgono di una piccola azienda a conduzione familiare residente in un piccolo paese sulle montagne del comune di Ripacandida. La gestione in questa azienda garantisce il mantenimento della qualità del prodotto oltre alla salute ed il benessere dell’ape. Tutto il miele prodotto non subisce nessun trattamento termico sopra i 40° C e pertanto sarà soggetto a naturale cristallizzazione nel tempo.

 

Commenta l’articolo

*